Sindaco Marino, cambiamo tutto o ricominciamo daccapo?‏

marzo 30, 2014
By

Carteinregola chiede al Sindaco Marino di mandare un segnale esplicito del  suo appoggio all’assessore Caudo, da settimane oggetto di attacchi sempre più aggressivi, come  quello pubblicato oggi dal quotidiano Il Messaggero, che riferisce di un presunto scontro tra il Sindaco e   il Presidente del Consiglio Coratti (PD), da un lato, e l’assessore alla Trasformazione Urbana, dall’altro.

Roma, 28 marzo 2013. Ci stavamo accingendo a inviare al Sindaco e agli assessori le nostre “Regole per le misure per il contenimento della spesa di roma capitale” (vedi link in calce). Ma poi  abbiamo  letto il trafiletto pubblicato oggi sul Messaggero e abbiamo capito che ci sono riflessioni ben più urgenti  da fare e da mandare a Ignazio Marino. Un articoletto piccolo ma micidiale, di cui  trascriviamo alcuni passaggi (1): “Le delibere: URBANISTICA, SCONTRO MARINO-CAUDO. Ignazio Marino spinge, con l’appoggio del presidente del Consiglio Comunale Mirko Coratti, ma l’assessore Caudo frena. Nella giunta si apre un altro aspro confronto sulla messa in sicurezza dei conti del Campidoglio. Materia del contendere: le decine di delibere sull’urbanistica, ferme tra giunta e consiglio comunale”. La manovra urbanistica, secondo il quotidiano di Caltagirone, “potrebbe sbloccare immediatamente circa 250 milioni” “utilizzabili nell’assestamento del prossimo autunno”.  “Soldi” che per l’ex sindaco Alemanno – il quale  da tempo(2) sollecita l’attuale maggioranza perché tiri fuori  le famigerate delibere urbanistiche  per cui Carteinregola, insieme a tanti altri comitati cittadini,  per 4 mesi ha presidiato le  Assemblee capitoline nell’ultimo periodo della precedente giunta – “servirebbero a rilanciare la realizzazione di opere pubbliche, fondamentali per il rilancio della città”. Un genere di rilancio, a nostro avviso,  più utile ai profitti privati che agli interessi pubblici, che abbiamo duramente  contestato e che pensavamo di aver archiviato per sempre, insieme alle nostre nottate in Consiglio, con l’arrivo di un sindaco che nel suo programma aveva promesso di “cambiare tutto” (3). Ma ultimamente  tira una brutta aria: in più occasioni abbiamo sentito rappresentanti delle imprese o delle categorie professionali (ma anche esponenti della stessa maggioranza) scagliarsi contro l’assessorato comunale, accusandolo di non premere l’acceleratore sulle edificazioni  per risollevare le sorti dell’edilizia romana. Ma secondo noi, anche in tempi di crisi – soprattutto in tempi di crisi –  è necessario  tenere saldo il timone sulle regole e sull’interesse generale. E ben sappiamo che i motivi del contendere non sono le  presunte “lentezze” burocratiche, ma il lavoro che l’assessore sta portando avanti, con scarsa eco mediatica,   per il ripristino delle regole nella Capitale.  A partire dal nuovo Schema di convenzione urbanistica, a cui l’assessorato lavora da mesi, di cui abbiamo già parlato  a proposito del  “colpo di mano” bipartisan  dell’Assemblea che aveva raddoppiato la proroga  dello “Schema Corsini”  ignorando le richieste di Caudo (4).  E temiamo  che la nuova convenzione urbanistica,   che dovrebbe offrire maggiori garanzie ai cittadini e all’interesse pubblico, a partire dalla regola  che  per ogni edificazione  prevista  la realizzazione  dei servizi debba “viaggiare” in parallelo con quella  delle case, non avrà vita facile in Aula e fuori (5).

Noi ci auguriamo che il Sindaco non intenda tornare  indietro rispetto a quanto promesso  nel suo programma urbanistico (di cui è autore lo  stesso Caudo): “Cambiamo tutto a partire da: Cancellare e ritirare tutti gli atti  dell’amministrazione Alemanno che aggravano  il consumo di nuovo suolo agricolo. La città deve sapere con assoluta chiarezza che quel modello di sviluppo urbano è definitivamente concluso” (6). E quanto ribadito  anche nelle “Linee programmatiche 2013-2018 per il Governo di Roma Capitale” approvate dall’Assemblea capitolina nel luglio scorso (7).

Parole che ci avevano restituito la speranza che finalmente arrivasse qualcuno che intendeva fare sul serio, volando più alto della palude di accordi, favori  e scambi di cui siamo stati testimoni per troppo tempo.

Se questa amministrazione continuerà lungo la direzione segnata e intrapresa, saremo in prima fila per sostenere l’impegno delle istituzioni in un percorso che sappiamo non facile. Ma  possiamo farcela  se l’impresa sarà portata  avanti insieme alla parte migliore della città, quella che è disposta a spendere tempo ed energie per  difendere l’interesse pubblico, ma anche  – e ancora di più  –  per cambiare e ricostruire un “mondo nuovo”

Tags: ,

One Response to Sindaco Marino, cambiamo tutto o ricominciamo daccapo?‏

  1. angelo artale on aprile 8, 2014 at 12:03 pm

    BENE CAUDO
    MALE CHI VUOLE COSTRUIRE ( ANCORA !?) INVECE DI RIQUALIFICARE

Rispondi a angelo artale Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CHI SIAMO

EVENTO

"ATAC punto e a capo!"

Giovedì,
30 gennaio 2014

ore 15,00

Aula Magna della
Facoltà Valdese
di Teologia
Via Pietro Cossa 40
(Piazza Cavour)
Roma

Cartella Stampa »

Comunicato Stampa »

viva la costituzione

Archivi